Ci siamo. Ci hai pensato a lungo e finalmente lo vuoi fare: vuoi pubblicare le tue ricette su un blog tutto tuo! Oppure vuoi fare delle recensioni alle ricette che trovi in internet e raccoglierle tutte in un posto solo.

Oggi imparerai a installare il tuo blog di ricette. In questo articolo ti spiego come pubblicare il tuo primo blog di ricette in soli 4 passi, per un tutale di 20 minuti (più o meno).

Alcuni link in questo articolo sono affiliate link. Questo significa che, se decidi di acquistare dei servizi attraverso questi link, mi viene riconosciuta una percentuale. In fondo all’articolo trovi maggiori informazioni sul perché lo faccio e sul fatto che consiglio solo servizi e prodotti dei quali mi fido e che trovo utili.

Come iniziare un blog di ricette

Acquistare un dominio e uno spazio online

Cominciamo con la parte più semplice. 

Scegli un nome per il dominio, il mio è polveredivaniglia.it, e registralo. Molti fornitori di questi tipi di servizi includono il nome del dominio quando compri uno spazio online. In questo modo paghi solo lo spazio online.

Puoi scegliere il fornitore che preferisci, io ho scelto Netsons e devo dire che mi trovo molto bene. L’interfaccia che usano per la gestione è semplice e il servizio non è costoso, per un blog delle dimensioni simili a questo. 

Nel resto dell’articolo spiegherò cosa fare usando Netsons come esempio.
Nella homepage clicca sul pulsante che permette di ordinare un servizio di hosting, cioè di spazio online:Registra un hosting con Netsons

Finirai in una pagina dove puoi scegliere il tipo di hosting. Più in basso si trova una tabella comparativa. Le cose importanti che devi controllare sono:

  1. che ci sia il database (incluso o opzionale, ma in questo caso ti costerà di più);Check database per hosting Netsons
  2. che il servizio sia adatto per l’ecommerce, se ne hai bisogno.Check ecommerce per hosting Netsons

Io ti consiglio di usare il pacchetto Hosting Professionale Condiviso, se non ti interessa l’ecommerce, o il pacchetto Hosting Professionale Semidedicato altrimenti.

A questo punto puoi inserire il tuo nome dominio.Registra un dominio su Netsons

Inserisci il dominio desiderato e clicca “vai!“. Se quel nome non è disponibile, te lo diranno subito.

Il sito ti consiglierà di comprare altre estensioni, per esempio “.com”. Ignora questa opzione, se non ti interessa. Una volta continuato il processo di acquisto, ti verranno proposte due modalità di pagamento. Mensile, con la quale paghi hosting e nome dominio, o annuale, dove il nome dominio ti viene regalato. Scegli l’annuale, è veramente conveniente.

Scegli i servizi aggiuntivi riguardanti l’inserimento nei motori di ricerca, come Google, e continua. Secondo me non sono necessari, si può fare benissimo senza.

Dopo aver premuto un paio di pulsanti per proseguire l’acquisto, ti dovrai registrare al sito di Netsons e portare a termine il pagamento. Se tutto va a buon fine, potrai accedere al sito e installare il motore di gestione dei contenuti, nel nostro caso WordPress.

Installare WordPress

WordPress è un gestore di contenuti, tu inserisci le tue ricette e lui le salva nel suo database e le presenta ai visitatori quando le richiedono. Ci sono molti software che funzionano in questo modo. Io insieme ad altri milioni di blogger nel mondo uso WordPress.

Per installare WordPress puoi seguire la procedura spiegata nel suo sito, oppure lo puoi fare in un solo click, attraverso un servizio messo a disposizione dai ragazzi di Netsons.

Accedi quindi a Netsons e clicca su “Hosting”:I servizi di Netsons

e poi clicca sull’icona indicata dalla freccia:I servizi di Netsons - dettaglio

Arriverai a un pannello di controllo. Cerca quest’icona:Installatron WordPress

e cliccala. Infine clicca il pulsante per l’installazione:Installa WordPress

Non ti preoccupare se alcuni pulsanti non risultano uguali a quelli in questo articolo. Può dipendere da una differente versione del pannello di controllo (gestito da Netsons) o dal tema utilizzato.

Le impostazioni di default dovrebbero andare bene per un blog semplice. Annota username e password e cambia il nome del blog

Una volta installato lo vedrai nel pannello di controllo:Il mio blog installatron
clicca sul primo indirizzo mostrato per vedere il blog, e sul secondo indirizzo per accedere al pannello di amministrazione di WordPress. L’accesso al pannello potrebbe essere automatico. Nel caso ti venga chiesta la password dovrai accedere usando username e password che ti eri annotato due minuti fa.

L’installazione è finita, complimenti! Ora dobbiamo soltanto far diventare tutto più bello.

Scegliere un tema di ricette e installarlo

Ci sono moltissimi temi disponibili per WordPress. Molti gratuiti e altri a pagamento. Se non vuoi pagare per un tema, cerca tra quelli gratuiti uno che si adatti per un blog di ricette. Se scegli un tema gratuito avrai un minimo di supporto dagli sviluppatori, attraverso i loro forum pubblici, ma non ti aspettare che rispondano alle tue email in modo personalizzato.

Se invece preferisci avere un buon supporto e una maggiore personalizzazione dell’aspetto del tuo blog, devi optare per un tema premium. Per quanto riguarda i temi, io ne consiglio due:

  1. Food Blog di Nimbus Themes. Questo è il tema con il quale ho cominciato. È personalizzabile al punto giusto, per alcune cose però dovrai affidarti a qualcuno che conosce un po’ di HTML e PHP – linguaggi usati per scrivere pagine web. Evan e Kendall Scoboria, gli autori di questo tema, sono sempre disponibili per risolvere i tuoi problemi, o per darti suggerimenti su come risolverli da solo.
    Il vantaggio maggiore di questo tema consiste nel fatto che è già pronto per la pubblicazione. Contiene un plugin per la visualizzazione di ricette e pagine personalizzate per le ricette, come quelle presenti nel mio blog. Anche il prezzo e buono. Puoi comprare il tema singolo per 39 dollari, oppure tutti i temi per 99 dollari. Poi con soli 9 dollari al mese tieni il tema aggiornato, ma puoi fermare la sottoscrizione quando vuoi.
  2. Elegant Themes. Questi sono i temi che sto usando per Polvere di Vaniglia e per altri progetti. Sono leggermente più costosi dei temi di Nimbus Themes (69 dollari all’anno per tutti i temi), e non c’è un tema dedicato ad un blog di ricette, ma le possibilità di personalizzazione sono moltissime. Usando Elegant Themes non è necessario conoscere HTML e PHP per fare alcune personalizzazioni che invece prevedono queste conoscence per il tema Food Blog di Nimbus Themes. Mi trovo molto bene, e sono contenta di essere passata a questi nuovi temi.

Quindi, riepilogando, se vuoi avere la possibilità di fare molte personalizzazioni senza perdere la testa nel codice, scegli Elegant Themes, altrimenti se vuoi un tema pronto, ma meno personalizzabile, scegli Food Blog di Nimbus Themes.

Molti blogger professionali usano, invece, il framework Genesis. Ci sono dei bei temi per blog di ricette, come Foodie Pro e Daily Dish. L’unico problema è che sono piuttosto costosi (da 100 dollari in su). Io non li ho provati, ma molti blogger dei quali mi fido ne sono entusiasti. Non escludo che ne comprerò uno in futuro, ma per il momento non ho intenzione di farlo.

Una volta scelto il tuo tema, segui le istruzioni fornite dal relativo sviluppatore per installarlo.

Plugin utili

Ci sono migliaia di plugin a disposizione per chi usa WordPress. Puoi installare nuovi plugin accedendo al pannello di amministrazione e cliccando su “Plugin” prima e su “Aggiungi nuovo” poi. Io ti consiglio

Altri plugin possono essere utilizzati per la gestione della cache e per l’ottimizzazione per motori di ricerca. Ma questi argomenti sono troppo avanzati per essere affrontati qui.

Inoltre io ti consiglio di non installare troppi plugin. Potrebbero rallentare il sito, e noi non vogliamo un sito lento, perché un sito lento è un sito inutile.

Ora dovresti avere un sito funzionante nel quale scrivere le tue ricette. Forza che aspetti, comincia a cucinare!

Nota bene

All’interno di questo articolo i link ad altri siti possono essere affiliate link.

Cosa significa? Se tu trovi interessante quello che dico e decidi di comprare gli stessi servizi che uso anch’io attraverso i link di questo articolo, i fornitori di quei servizi mi riconosceranno una percentuale su ciò che hai speso.

Attenzione: non linko servizi che non ho usato o che non sto valutando per un uso futuro. Se ho usato un servizio e non mi è piaciuto, allora non lo linko, anzi, ne descrivo le mancanze in modo aperto.

Per nessun servizio o prodotto mi è mai stata offerta una prova gratuita o l’uso gratuito. Nel caso succeda in futuro, lo dirò esplicitamente, rimane il fatto che, se il prodotto o servizio non mi piacerà, allora non lo consiglierò.

Se decidi di acquistare un servizio tramite un affiliate link, non spenderai nulla in più, ma dimostri apprezzamento per il mio blog, e mi aiuti a tenerlo aggiornato.

Come creare un blog di ricette da zero in 20 minuti è stato modificato il 20 ottobre 2015 da Elena

Advertisement

Pin It on Pinterest